giovedì 7 febbraio 2013

Inspiration - Infinity






infinito agg. e s. m. [dal lat. infinitus, comp. di in-2 e finitus, part. pass. di finire«limitare»]. – 

1. agg. 

a. Che non ha principio né fine; che non ha limiti: il tempo i.; lo spazio i.; la misericordia di Dio è i.; isilenzio (Leopardi). Sostantivato, per antonomasia,l’Infinito, Iddio. 

b. Che non termina, che si protrae senza limiti: la serie dei numeri naturali è infinita








Non accontentarti dell'orizzonte, cerca l'infinito. 
Jim Morrison







« C'è un concetto che corrompe e altera tutti gli altri. Non parlo del Male, il cui limitato impero è l'etica; parlo dell'Infinito. »
(Jorge Luis Borges)





Il simbolo matematico di infinito venne utilizzato per la prima volta in epoca moderna da John Wallis nel 1655. Probabilmente egli lo scelse come trasformazione con legatura della lettera M, che nel sistema di numerazione romano indicava un numero "grandissimo" ed equivalente a 1000: M → m → .In alternativa «Wallis potrebbe avere anche pensato che il doppio occhiello di quel simbolo potesse rimandare immediatamente all'infinito, perché tale doppio occhiello può essere percorso senza fine.» D'altronde a volte M era formata da C e I, seguiti da una C specchiata, simile alla M della scrittura onciale (CIƆ). Una terza ipotesi suggerisce che «il simbolo  formatosi per deformazione delle prime due lettere del latino aequalis "uguale" (e infatti adoperato in un primo tempo per indicare l’uguaglianza).»





« Solo due cose sono infinite, l'universo e l'ignoranza umana, e non sono sicuro della prima. »
(Albert Einstein)




Le stelle sono piccole fessure attraverso le quali fuoriesce la luce dell'infinito. 
Confucio







« Sempre caro mi fu quest'ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quïete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s'annega il pensier mio:
e il naufragar m'è dolce in questo mare. »










Il vero amore non ha mai conosciuto misura. 
Properzio





I paradossi dell'infinito sono connaturati con la sua stessa definizione. Per meglio dire, la definizione matematica di infinito è stata costruita proprio per tener conto di quei comportamenti delle grandezze infinite che non sono conciliabili con le regole normali delle grandezze limitate.







In matematica il concetto di infinito (simbolo ∞) ha vari significati, in correlazione con la nozione di limite, sia in analisi classica che in analisi non standard. Nozioni di infinito sono usate in teoria degli insiemi, e in geometria proiettiva.








L'infinito è una forma verbale usata in tutte le lingue indoeuropee. È la forma normalmente scelta per il lemma dei verbi nei dizionari ed in genere non è riferita ad alcuna persona grammaticale (io, tu, lui, lei); dispone del tempo presente e di quello passato. In italiano, la forma dell'infinito di un verbo come andare è composta da una radice (and-), da una vocale tematica (-a-) e da una desinenza (-re). L'infinito passato sarà essere andato.




"...L'infinito sai cos'é?
L'irraggiungibile fine o meta 
Che… rincorrerai per tutta la tua vita, 
“ma adesso che farai? Adesso io ... non so... “ infiniti noi 
so solo che non potrà mai finire..
Mai ovunque tu sarai, ovunque io sarò 
non smetteremo mai 
se questo é amore ... é amore infinito..."







L'amore è un frammento di infinito caduto sulla terra. 
Anonimo





L'ultimo passo della ragione, è il riconoscere che ci sono un'infinità di cose che la sorpassano. 
Blaise Pascal



Potete trovare una fornita linea di bijoux "infiniti" su Alchemian.com, nella sezione "Infinito Mania".











A presto*_*


Elle est retrouvée.
Quoi? - L'Eternité.
C'est la mer allée
Avec le soleil.


7 commenti:

  1. L'idea mi affascina, ma la moda del simbolo non mi dice molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i simboli sono universali.parlano alle nostre parti più profonde.dietro a questa moda c'è un concetto.è un bel tema su cui lavorare

      Elimina
  2. Il simbolo dell'infinito mi piace davvero tanto (mi piaceva un po' meno durante i faticosi anni al liceo scientifico, lo ammetto...)... Vado subito a dare un'occhiata al vostro sito e intanto seguo questo blog! Grazie per il complimento fatto al mio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh.. la matematica è un incubo che affligge un pò tutti ..eh eh

      Elimina
  3. Che bel post! Questo simbolo mi iace tanto, ne ho fatto un braccialetto per me e il mio ragazzo, e ho già fatto 2 bozze per un futuro tatoo :)
    A presto!
    Bisous

    RispondiElimina